Il blog di Angela Fedele parla di Fikissimo | Fikissimo
732
post-template-default,single,single-post,postid-732,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,columns-4,qode-product-single-tabs-on-bottom,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive
 

Il blog di Angela Fedele parla di Fikissimo

blog angela fedele

Il blog di Angela Fedele parla di Fikissimo

Angela Fedele, scrittrice freelance di design, ha scritto articoli per il giornale online di design Furnishing International e per la rivista di design Sourceable, ha partecipato a pubblicazioni di livello mondiale come il “Council of Tall Buildings and Urban Habitat in Chicago” e “Le Courrier de l’Architecte in Paris” ha pubblicato un articolo sul suo blog personale dedicato interamente a Fikissimo.

Di seguito la traduzione dell’articolo di Angela Fedele:

Un cantiere può essere il parco giochi per un product designer focalizzato sull’ambiente. Rifiuti di materiali da costruzione come il cemento il ferro ed il legno sono all’ordine del giorno e allora perché non impegnarsi a recuperarle sognando di farci cose belle. Ed è proprio questo che fa lo studio di design europeo Fikissimo.

Il design italiano è tradizionalmente noto per la qualità e l’artigianalità, Fikissimo si aggrappa proprio su questi valori per la creazione di prodotti interamente realizzati in Italia da artigiani appassionati. Con un approccio artigianale, creano insoliti oggetti, arredi scultorei e elementi di arredo fondendo abilmente rifiuti edili riciclati con altri materiali.

Fikissimo è un ramo di produzione di un’azienda che da oltre 100 anni ha lavorato con cemento, calce, ferro, legno e altri materiali. I prodotti sono progettati su misura e Fikissimo dimostra un’estetica artistica e industriale. Questo è grazie allo sforzo costante di designer, architetti e artigiani che esplorano questi materiali base da costruzione e li trasformano in prodotti di design visivamente piacevole.

Cemento e legno

Prendendo spunto dai loro antenati, uno dei materiali prediletti dello studio per lavorare è il cemento. Secondo il loro agente, Stefano Luci, “la nostra intenzione è quella di mettere in evidenza le qualità uniche del  cemento, avvalendosi dell’esperienza tramandata a noi di più di 100 anni“, ha detto, “Non usiamo resine o additivi che altererebbero le sue caratteristiche.” Oltre al cemento anche  il legno è trattato solo con prodotti naturali e lasciato nel suo stato originale per assicurare che l’autenticità e l’estetica del materiale sia realizzato.

Ferro

I materiali metallici sono evidenti in tutta la collezione, in particolare a livello di mobili che serve per aiutare a scolpire alcune delle forme insolite. Secondo Luci, gli elementi in ferro sono verniciati con polvere e cotti a 180°. “Questo processo è fatto due volte per una maggiore resistenza agli agenti atmosferici.“, ha spiegato, “questi elementi in ferro non possono essere zincati a caldo. Le parti saldate vengono poi accuratamente levigate per evitare strappi sui vestiti“. Mentre gli elementi in ferro arrugginiti subiscono lo stesso processo di verniciatura a polvere, che è completato solo una volta per ottenere l’effetto di trasparenza. Anche su questi oggetti vengono levigate e arrotondate le sporgenze per evitare lesioni. La cosa che mi attrae di Fikissimo è che gli oggetti sono veramente delle opere d’arte. Nessun pezzo è lo stesso e le piccole imperfezioni danno ad ogni elemento il suo unico carattere, e dimostrano una dedicata manifattura del prodotto. E se si chiede al Luci, ti risponde che ogni pezzo è costruito con mani esperte di artigiani che amano il loro lavoro. In un mondo di produzione di massa e mobili uguali, non è facile trovare un’azienda che lavora ancora artigianalmente, dove i disegni sono originali ed i prodotti che ne escono unici.

Link all’articolo originale in lingua inglese http://angelafedele.com/2016/07/07/fikissimo-reclaimed-design-dreams/

 

Nessun commento

Lascia un commento